Warning: Creating default object from empty value in /home/vivereacomoinfo/vivereacomo.info/wpmu-settings.php on line 45

Warning: session_start(): Cannot send session cookie - headers already sent by (output started at /home/vivereacomoinfo/vivereacomo.info/wpmu-settings.php:45) in /home/vivereacomoinfo/vivereacomo.info/wp-content/plugins/si-captcha-for-wordpress/si-captcha.php on line 763

Warning: session_start(): Cannot send session cache limiter - headers already sent (output started at /home/vivereacomoinfo/vivereacomo.info/wpmu-settings.php:45) in /home/vivereacomoinfo/vivereacomo.info/wp-content/plugins/si-captcha-for-wordpress/si-captcha.php on line 763
Con Bennet stai fresco : Vivere a Como
Your site
January 16, 2018, 1:08 pm

Con Bennet stai fresco

Leggo alcuni commenti qui  che riporto perchè se veritieri magari possono essere d’interesse collettivo. Ora, non ho idea se sia pratica diffusa, se vi siano “ordini” in tal senso o se la cosa è sporadica oppure non veritiera, ma non si può far finta di nulla non fosse altro che la frode alimentare esiste ed è pure punita dalla legge. Noi consumatori non abbiamo solo il dovere di pagare alla cassa, ma di avere prodotti freschi, non scaduti, non con etichettature fasulle, in primis per una questione di salute .  Quindi credo interessante mettere a fuoco la questione. Non siamo in presenza dei soliti trucchi posti in atto dei prezzi esposti che poi, controllato lo scontrino alla cassa, risultano “battuti” col 30% in più, dove uno normalmente paga e non controlla restando fregato o se per caso controlla c’è la scusa e ti fanno subito il buono per la differenza (ma lo devi chiedere espressamente e guarda caso hanno il libretto apposito :-D ), qui si parla di cibi reimmessi nella distribuzione SCADUTI. Oppure BUTTATI, quando sappiamo poter essere utilizzati subito prima della scadenza per chi ne ha bisogno ma non ha palanche e di organizzazioni che passano a ritirarli per poi ridistribuirli ce ne sono, quindi siamo in presenza di un PECCATO e non di un reato. Magari i NAS possono essere interessati a leggere i commenti ed a fare qualche controllo, non si sa mai. Per comodità riporto un paio di commenti interessanti:

              Anonimo ha detto: Il 23 marzo 2011

ad Alesandria mandiamo la merce in scadenza al banco alimentare, se da altre parti non funziona così vuol dire che avete un problema

               Anonimo ha detto: Il 16 marzo 2011

BISOGNEREBBE MNDARE STISCIA LA NOTIZIA NEI BENNET PER VEDERE QUANTA ROBBA BUTTANO ANCOR PRIMA DEL TERMINE DELLA SCADENZA DEL PRODOTTO STESSO. E INTANTO LA GENTE MUORE DI FAME IO FARE STARE I RATTI PER UN MESE SENZA MANGIARE TUTTI GLI ISPETTORI E I CAPI, FACCE DI MERDA.BASTARDI E IPOCRITI SPERO CHE L’AZIENDA BENNET FALLISCA!!!

              CAPO DIPARTIMENTO ha detto: Il 23 marzo 2011

io sono un capo dopartiemnto food e vi posso dire che noi purtroppo nella nostra filiale la merce in scadenza la buttiamo, sotto autorizzazione del sig. Nicoletto

              lanonasunta ha detto: Il 27 marzo 2011

bhe la merce della gastronomia scaduta viene rimbustata,messa una nuova scadenza e rivenduta.Le cose come insalata di mare,la russa,i pescini fritti e le altre cose girano nei vassoi per settimane.I formaggi vengono incartati,scartati dopo 3 giorni e rimessi in vendita…non mi pare una cosa giusta verso chi acquista.E anche per i banconisti,io avevo vergogna a star dietro a quel bancone sporco

              Anonimo ha detto: Il 28 marzo 2011

ma lo sapete che la carne scaduta tutti i tipi fegato bistecche ecc viene macinata e venduta come trita????? è tutto vero chiedeto a qualsias imacellaio

Per molti fare la spesa oggi è diventato un calvario, i soldi son quelli che sono ed i prezzi degli alimentari ben sappiamo essere paurosamente rincarati, quindi molti per davvero fanno fatica. Ma hanno il diritto di non essere presi per i fondelli e di non vedersi mettere a repentaglio la salute con artifizi ignobili. Spero venga fatta chiarezza, come è giusto che sia.


Con Bennet stai fresco

1 Comment

  1. Anonimo scrive:

    Vi porto a conoscenza che per ben 4 volte consecutive ho fatto la spesa al supermercato che c’è in tangenziale di fianco alla Comodepur.”L’inconveniente” è presto detto: pan cassetta (quello per i toast) della famosa marca MB quella con la ruota e la famigliola felice e spensierata…. ecco, il prezzo esposto era 0,85€, ma alla cassa battuto 1,19€, facendo di conto + 0.33€ di differenza, ca il 25% d’aumento. Noi controlliamo sempre gli scontrini e quindi abbiamo fatto notare la questione alla cassa. Risultato, c’è stato fatto appunto un buono. Non l’avessimo fatto…. ma è fastidioso il fatto che si accampi la scusa “ci siamo dimenticati di aggiornare il prezzo esposto del prodotto”, quando nell’arco di un mese, una volta la settimana, stessa solfa. La scusa non regge o sono dei pistola incapaci o ditemi voi cosa uno deve pensare.

Leave a Reply